Pagina:Esopo Zeneize 1822.djvu/17

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia
FOA VII.

O Leon, e o Ratto.


In questo mondo, amixi,
Besêugna fâ do ben
Finna ai nostri nemixi,
Perchè ben spesso ven
Che o grande, e chi pêu spende
Da chi è piccin dipende,
E o forte, e o coraggioso
Da-o debole, e spuioso,
E ve ne convinçîò
Co-a foa che ve contîò:

Scappava un giorno un Ratto
Perseguitôu da un Gatto
Corrindo in strambaelon,
E tanto o caminò,
Meschin! che o se trovò
Sotto e zampe do Leon,
Che in cangio d'ammazzâlo,
Con affabilitæ
O se misse a leccâlo,
E o ghe dé a libertæ.

O Ratto o l’andò via
Tutto pin d’allegria,
Nè mai o se scordò
A generosa azion
Ch’o riçevé da-o Leon,