Pagina:Esopo Zeneize 1822.djvu/16

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Ma in to sussâghe e fêuggie,
Come angosciâ, a sbraggiò:
Ohimè! che odô cattivo!
Che savô brutto! ohibò!

A questo complimento,
Ghe disse o Cöu piccôu,
Farfalla ti ê vegnûa
D’un gusto delicôu!

T’ho conosciûo piccin-na
Non così ben montâ,
Quando un-na gatta ti êi
Te davo da mangiâ,

Oh comme ti gustavi
Alloa tutte e mæ fêuggie!
Ma de cangiâ de stato
Ti æ ascì cangiôu de vêuggie,

Vattene, sconoscente,
Ma no te stâ a scordâ,
Che un giorno ti porriesci
Ancon Gatta tornâ.

O voi, che anchêu per caxo
Seì ricchi ciù che vêi,
N’alsæ tanto de naso,
Arregordæve chi êi,
E a chi seì obblighæ
Ingrati no seggiæ.