Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/457

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

clude questo matrimonio con vostro Barba?

Ott. Veramente non saveræ comme poressi collocâve megio.

Giaç. Orsciù, zà che voî me dæ questo parei, son prontissima à sottoscrive ro contratto.

Ort. Oh, poi mæ figgia l'ho sempre trovâ obediente, quando gh'ho comandao quarcosa.

Ott. Non gh'è punto de dubbio: un-na figgia deve, anche contro sò vorentæ, obedî à streit'œuggi à tutto quello che da ri so maggioî ghe ven ordinao. Mæ Barba o non ha miga un'etæ tanto avançâ da dovei renonçiâ à l'idea dro matrimonio. Scisciantœutto anni poi no son…

Fab. Ri compirò à dénâ.

Pasq. (con ironia). O non hà avúo gran marottie, à riserva de doî aççidenti, che ri han battezzæ per epiletici: o l'è un poco asmatico, itterico, cachetico: o tosce comm'un-na sepia. Ma per ro restante o sta ben, e ri mêghi l'han assegurao, che fra poco o sarà guarîo dro tutto.

Fab. Çerto, e così spero, fra poco tempo, de fâve vei chi son.

Pasq. Mi no son ni mêgo ni speçiâ. Ma non ghe creddo un figo secco.

Fab. (piano a Pasquina). Aimè mi, Pasquin-na, ra purga fa opera... Aimè mi, me bogge ra pança. Non sò comme fâ...