Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/281

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

12.
Salmace era unna figgia,
Che matta, dixe Ovidio
D'unna bella caviggia
A ra vosse in fin vense per assidio,
E preghò Giove in Cè,
Chi non ra lascie destacca* da lè,
E Giove fè o servixo cosi ben,
Che de doi restan un ni chiù ni men.

13.
[S]crito per quanto intendo
Pittagora lascià
Che re annime partendo
Fra de lò stramuandose de cà,
Zughando a ro siazzo
Da un corpo all'atro solan fà strapazzo;
Se l'è cosi, saccie*, che in st'annimà
L'annima de Salmace è trasmigrà.

14.
Chi visse un pò Cecilia
Fase duxento croxe,
Che l'ha per mirabilia
De vuei* meschiou con ro pignuoe ra noxe,
L'oxiello, e ra pelloeura,
E ra bestia attacca* con ra mangioeura;
Ghe dixe in concruxion ra me meitè
Miez'hirco, mieza crava, e tutto bè.