Pagina:Cava in to remoin 1930.pdf/64

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

CONSEGGI PE BEN VIVE

Mae pôae me diva ûn giorno: «Ö mondo intrego
l'é comme ûnn-a gran corsa a precipizio;
da-a Bonn-a donna andemmo in man do cëgo,[1]
e a morte a ven ciû fito che ö giûdizio.

Zûghemmo tûtta a vitta a-o primmo sato[2]
chi ghe dà de scciappe resta sotta;
ma i fûrbi che san fà da lengua e scïato[3]
a casa mai no van co-a testa rotta.

Besêugna saveì fâ! Mettîse in vista,
piggiâ ûn contegno adatto a-a circostansa;
tegnî cö praeve e ascî cö socialista
e l'ideale aveilo drento a-a pansa.

A pansa, tegni a mente, a l'é ûn santuaio,
a-o quae no se fà offerta de parolle:
davanti ûn piatto bun o ûn bun salaio
i ciû diventan, cäo, de braghemolle.[4]

  1. Cëgo: chierico per prete.
  2. Givoco bambinesco che consiste nello scavalcarsi a vicenda. Colui che nello scavalcare il compagno gli sfiora la schiena, ne prende il posto e vi rimane fin che un altro non ripeta lo stesso sbaglio.
  3. Scïato: chiasso, cioè che si sanno destreggiare.
  4. Braghemolle: senza carattere.