Pagina:Cava in to remoin 1930.pdf/32

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


T'ë bello se ö meistrâ[1] gianche pegoette[2]
a sciammi manda avanti e ö çê fa scûo;
e quando a lebecciadda a se ghe mette
faxendo ascì[3] tremâ chi sta a-o segûo.

Urlando fûribondo e ciazze e i schêuggi
ti assäti co-a têu raggia scadenä,
e pa' che livellâ tutto ti vêuggi
pe pöei[4] a taera intrega subaccâ[5].

Sta taera che doman, carmo e pentïo,
con di maoxetti[6] dôçi[7] comme baxi
a caressâ ti torni e cö sospïo
ti ghe confessi e colpe che ti taxi[8].

A TRAMONTANN-A

Che bellessa andâ pe Sann-a
quando o sciûscia a Tramontann-a,
fra pûvioin pin de moinelli
e regatte de cappelli,
che ghe dan pe andâ ciû forte.
Xêuan de ciappe, sbattan porte,
cazzan veddri con fracasso,

  1. Meistrâ: maestrale
  2. Pegoette: pecorine, stato del mare mosso con piccole onde che si frangono.
  3. Ascì: anche.
  4. Pöei: si scrive anche porei in stile più elevato
  5. Subaccâ: sommergere.
  6. Maoxetti: ondine, piccoli marosi
  7. Dôsci e anche dôçi: dolci.
  8. Taxi: taci.