Pagina:A.Colombiade.Pedevilla.1870.pdf/261

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

99
No gh'ëan là insomma nè procuoeî, nè uscieri,
Nè avvocati (cioè comici legali),
Nè statûti, nè gius, nè ministeri
Pubblici, cioè procuoeî regii o fiscali,
Nè magistrati o ninte o assae severi
Pe spiegâli, pe stiâli, pe applicâli;
Nè prexoîn preventive pe-i sospetti,
Nè pe-i convinti rei serraggi infetti.

100
Perchè pe-ô ciù, dove son meno idee,
Gh'è ciù semplicitæ, meno malizie;
Perchè dove son note solo e vee
Necescitæ e s'ignoran e fittizie,
In genere e persoñe en meno ree
D'aviditæ eccessiva e d'ingiustizie,
E dove n'è ingiustizia o aviditæ
Gh'è ciù concordia e ciù tranquillitæ.

101
E gh'è ciù ordine, dov'ën meno i varii
Nemixi da morale çittadiña,
Cioè tanti sfaccendæ o celibatarii
Sforzæ dä militare discipliña
E da voti imprudenti, o volontarii
Per amô d'uña vitta libertiña,
O perch'esclûsi da-i unioîn legittime
O dä miseia, o da parenti pittime.

102
O perchè disturbæ dall'immorale
Farraggine de lezzi, ch'a fà guæra
Ben spesso ä sacra lezze naturale,
Ch'a vêu che i ommi popolan a tæra,
E a-i boîn costummi tanto a l'è fatale,
Perchè i driti a Imeneo mentre a rinsæra,
A l'accresce ô dominio ä vagabonda
Venere, e a Priapo turba oscena e immonda.