Documenti in vorgâ de l'Ofiççio de Sanzorzo e de so colonnie d'oriente/136

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Doc. CXXXVI - 8 ago. e 6 set. 1455 - Proposta do conso Tomaxo Domocurta a-i Protetoî pe quarche riforma giuridico-aministrativa.
a cua de P. Amedeo Vigna
Resta de Cafà, n. 55 (ed. into Codexo Diplomatico de Colonnie Taoro-Ligure, Atti da Societæ Ligure de Stoia Pattria, VI, 1868)
in corscivo paole latin-e, toscan-e e grafemi toscanizanti; tra parentexi quaddre e lettie da azonze, tra parentexi tonde quelle da esponze; azonto maiuscole e diacritichi.

[p. 337 modifica]E' ve avisemo como in questa citae da poco tempo in qua, a quello [che] possiamo judicà, se usa cosa la qua secundo lo judicio nostro non pa honesta, soè, e' meto lo caso in noi e darò una sententia secundo che zuigerà l'anima mea, de la qual quello chi l'averà contra se ne po apellà e no lo vorre far. La caxon perochè sun si avitiè è che vorre[n] atimorì tuti gli officiari chi sun in questa terra, digando: "E' te protesteremo quando tu sarè fora de offitio". E questo fa far doi mali: lo primo fa si che per timensa di questo, o fa contra la soa conscientia secundo lo favò; la secunda e da tanta longae che mai nisun non ha fin. Per non incorre in simile caso, chi dè vegnì qui officiaro [p. 338 modifica]soto sarario de sodi e sta a re[i]xe(i)go de dovei pagà dexe milia sommi de le sentencie che dà, de avanti o no ge ne averemo nisun, salvo quelli chi sercherae de far quello chi non se dè, et de lo derobà o pagà quello che o serà condanao cum evantaglio. Per che a noi par questa cosa abisognar de remedio, e lo remedio che ve diremo per aregordo, e de tuto quello che voi delibererei noi resteremo contenti, chi è questo, che chi a sententia contro se possa apellà cossì come se conten in la regula, e non appellandosse non possa aver remedio salvo da le magnificentie vostre. De ogni altra cossa, come mangiarie sea de forse, comodocumque et qualitercumque intervegna, ne pa monto debito stage a sindicamento e sea exeguio secundo che sarà dito per li soi sindicatoi.

Non vogliamo miga e etiamdee pregamo le m. vestre che 'o prende[i] queste nostre parole a presuntione, ma anzi venire da grande affetione che amo in lo magnifico offitio vostro, asochè se possa far raxone cum pura mente, che la raxone et lo debito habia logo sensa havei timor de alcunna cosa. Vogliamo seiati avisati che non digemo questo per noi, perochè ne basta l'animo a seguì quello che ne pa essere honore de le m. v. dunde e' fussemo certissimi de lantora essere morto. Le m. vostre avranno a provei secundo a quello parà e quello se seguirà. Non altro per la presente, messer Domenendio sea con voi et voi non abandone.

Per comunam vobis scripsimus plene de omnibus occurentibus que affirmamus. Mandatis vestris semper et ubique paratissimus vester etc. Ex Caffa die viii augusti MCCCCLquinto.

MCCCCLV die VI septembris.

[p. 338 modifica]Ve pregamo ne vogiè compiaxei de quello ve avemo scripto de sovra de la sententia daeta per noi contra Paris da Mari. Anchora piu presto che se po exclarate quello [che] dovemo avei per la preiza de Marin Cigara, etiamdio quello [che] volen le m. vostre faciamo di li rami preixi chì sum lo caraiho che mandava lo segnor de Sinopi a lo Turcho grande. Etiamdio pregiamo le pre[p. 339 modifica]libate m. vostre che per lo bene de questa cita[e] vogia[i] provei a le pr[...]tione le qualle ognomodo de che conditione se sia minacia a lo fine de lo suo offitio protesterà como de sovra e' ve avemo a za dicto. E se le magnificentie vostre non ge provederan, sine dubio serano daete piu sententie false e non juste, cha altramenti, e' digo per lo tempo chi è a venire.

Non vogio che le magnificentie vostre intendan questo e' digo per me, avisandove che non sum ni mai foi figio de la poira, questo per aviso a le m. vostre. Ricordo ben con grande melanconia vegando essere vegnuo chie a tempo che non posso ni è possibile fa quello ben e honor vostro che avereiva vosuo e con quello bon annimo e aveiva acceptao. e credo che questo proceda piu tosto da li miei peccati che d[a ]atro. Messer Jeso Xpo. chi è somo ben sea quello ge provega. Mie, da lo canto mé, me darò loco de far si fattamenti che .... mi castigan, porrà a voi piaxei in quello che porò e savrò con ogni arte per lo ben, mediante semper la justitia, e questo tegna la m. vostra a certo, e non seguiando quello avrò dito reputo esser piuttosto intervegnuo per ignorantia cha per maritia. Messer Domenendio chi sa ogni cossa me sea testimonio de la me bona disposision, lo quar sea semper cum le m. vostre e mai non ve abandonne, amen.

Vester totus in omnibus Thomas de Domoculta
cum umili recommendatione.