Documenti in vorgâ de l'Ofiççio de Sanzorzo e de so colonnie d'oriente/1118

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Documenti in vorgâ de l'Ofiççio de Sanzorzo e de so colonnie d'oriente
a cua de P. Amedeo Vigna
Doc. MCXVIII - 12 fre. 1475 - Segonda relaçion de l'urtimo conso de Cafà Antonioto Cabella a-i Protetoî de san Zorzo.
Resta de Cafà n.127 (ed. into Codiçe Diplomatico de Colonnie Taoro-Ligure, Atti da Societæ Ligure de Stoia Pattria, VII-2, 1879)
in corscivo paole latin-e, toscan-e e grafemi latin-toscanizanti; tra parentexi quaddre e lettie da azonze, tra parentexi tonde quelle da esponze; azonto maiuscole e diacritichi (ë = æ).

[p. 197 modifica](Extra) Magnificis et potentibus dominis proteptoribus comperarum santi Georgij excelsi communis Janue. dominis collendissimis.

(Intus)
Ihesus.

In Christi nomine. MCCCCLXXV die XII frebuarij (sic) in Caffa.

Averà inteizo le segnorie vostre, magniffici et potentes domini, domini mei collendissimi, per meas duplicatas ad dominationes vestras transmissas, nec non per ea que vobis retulerit oretenus egregius vir Baptista Justinianus precessor meus, quem credo jam diu ad presentiam dominationum vestrarum se presentasse, ea omnia que ocursa sunt circha differentiam episcopatus Ermenorum, ac etiam circha occurentia in campania, tamen aliquantum de his que ocursa sunt usque in odiernum replicabo, attento importantia rei.

Considero, magnifici domini mei, che a le signorie vostre debia esser scritto cose assai contra de mi per lo facto de lo episcopo de Ermeni, le quale cose quando le segnorie vostre seram bem informae de lo vero, credo sareti contenti de l'ordine preizo in talle caxo. Sapia vostre segnorie como vegne in questa citae doi legati da lo patriarcha de Ermeni con lettere adrisate a lo consolo de Caffà, in le quale se conteneva che seando ello patriarca imformato che lo vesco lo quale è in sedia, chiamato Derronanes sive Pangiager, aveiva per forsa e con dinari descasato uno altro vesco, nominato Dercarabet, e pertanto ne requeriva devesemo dare lo braso nostro a li dicti legati, e che devesemo descasâ de sedia lo vesco Derronanes e mete in sedia quello altro Dercarabet, e de questo era grande mormoration e discordia in li populi Ermeni, e se incomensava a multiplicare e fare grandissima conspiration e tumulti, ita et taliter che in una gexia se trovarono a multo piu de homi trexento. Mi ghe mandai lo cavarê e si fei amortâ lo strepito, e si me fei menar [p. 198 modifica]avanti quatro o sexe de li principae, a li que fei dâ segurtae de non far tumulto ni conspiration a pena duo milia sommi de Caffà pro utraque parte, e faeto questo sessà li tumulti.

La cossa restà possia così interdita che Caihares figio de Cotulbey de Sonihi, lo qualle è cavo de parti e richissimo homo e parente streito de quello Dercarabet chi pretende esser vesco, overà con Nicheroso da Torrigia, lo qua è percurao de Caihares e de lo dicto Dercarabet, lo qua me a molto molestiao con scripture e con protesti menasandome in le soe scripture, vogiando che deponese lo vesco chi è in sedia e che metese a logo Dercarabet. Mi vegando che lo patriarcha chi aveiva mandao li primi legati, che aveiva faeto vesco Derronanes è morto, e che questo patriarcha novo aveiva scrito che lo dito vescho era staeto faeto per forsa e per mangiarie de denari, no abiendo ni notitia de nissuna di queste cose, compreixi che ello fose staeto male informato, e che per overa de lo dito Caihares lo quale ge aveiva mandato uno predicatore, che ello avesse impetrato tali legati per far uno vesco a suo modo.

Visto la contention chi era in la terra vostra me despoxi de non innovar niente in lo faeto de lo episcopato fin a tanto che le segnorie vostre fosen avizate de quello [che] intervegniva, e massime visto le reprenssioin faete per le segnorie vostre a meser Joffredo primamenti et postea confirmate in ello e in meser Baptista Justiniano per essese impaihati in talle facto, considerando che la multitudine de li populi Ermeni con la major parte de la bona gente volen per vesco quello chi è in sedia e che per l'altra parte no sono cha otto o dexe richi chi voleno l'altro Dercarabet, insomma me deliberai de avizar le segnorie vostre e de no innovar niente, aspeitando risposta de le segnorie vostre e quello che cometerei se farà. E per questo termen preizo me son restao in odio a una grande parte de li homi de la logia, li quae son obligae a lo dito Caihares per servixij che ello fa speso in prestare la moneta soa, e ancora li miei compagni officiali pechan in esto che elli avereivan vosuo che de subito avese despelato lo vesco chi era in sedia e che avese miso l'altro. No me ne parse bene, vegando lo tumulto de li populi, como ve o dito de sopra.

Avizando vostre segnorie che me fo portato in uno mandilo ducati de oro veneciani e saraffi de oro per la valuta de ducati duxento, secretamenti li prendese e dovese desmete lo vesco chi è in sedia e [p. 199 modifica]favorezar l'altro, no li vosi prender, imo li denonciai a li antiani e in prezentia loro fei demostrare li diti ducati a quello chi li aveiva in man, e de questo se n'è tanto indegnao Nicherozo de Torrigia, che ello me voreiva vei morto, fasando ogni di protesti e scripture contro de mi. Spero in Deo che quando le signorie vostre intenderan tuto, daran tâ remedio che lo dito Nicheroso no abiterà in questa terra vostra, perchè simille homo no ge sta ben.

Me son trovao stâ meixi sexe a posto sensa vicario jurista, e si no o posuto proseder in le caxoin predite, como avereiva vosuto, perchè lo dito Nicheroso fava scripture asae che mi no intendeiva. Vero è che Francesco de lo Pasteno era meo vichario, lo qua fo alegato sospetto in una parte e no poeiva dir niente, e l'altra parte me dava sospetto a mi, per che quando ge domandava consegio lo trovava molto freido e tepido, e per questo me son semper suprastaeto a far innovation alcuna donec abia comessione da le segnorie vostre.

E ancora piu me son fondato in la mia opinion, quando o visto uno de li doi legati, chi eran venuti per far vesco novo, a dito che se lo patriarca avese inteizo la vorentae de li populi ello no li avereiva mandae in questa terra. Ello se n'è andaeto a lo so patriarcha, no so se tornerà piu. Li diti legati uno era arcivesco e l'altro vesco, segondo che dixeivan, lo arcivesco chi è quello de piu sentimento e de piu dignitae è quello chi se n'è andaeto. Sapia adonca le signorie vostre che se se sta a questo modo, ogni ano serà garbugio in questa caxon de lo episcopato. Me pareiva a mi lo megio de questa terra che no fose ni l'uno ni l'altro, e a questo modo sesereivan le discordie, e si no se fereiva tante mangiarie quanto se fa per talle caxon.

Avizando vostre signorie che aora che lo dito legato se n'è andaeto, la parte de Caihares dixe che ello se n'è andaeto per che a mangiato, e a mi dixen estimo qui plus donavit, et questo per darme carrego no posando otegnî soa vogia. No vogia Deo che de simille cosa me brute le maein ni me incarrege l'anima mea, se debio goagnar dinari li vogio aveire con la gratia de Deo per altra via, e no far vergogna a le segnorie vostre chi ve fidate de mi, ni etiamdeo me vogio vergognar per denari, quia melius est bona fama quam divitie multe. Tamen intendo non se po tegnî la lengua a li mali dicenti, e che serà scripto de mi qualche cosa in carego meo per questa caxon per eseme soprastato, como o dito. Pure spero in le segnorie vostre, e che le prudentie vostre daran la tara a li passionae e a quelli chi se vo[p. 200 modifica]ren far capeluti in questa vostra citae e acquistar con drito o torto dinari e ogni sua intention. Spero in Deo ge debia provedei che chi farà male a questa citae serà punito de li soi demeriti.

Fin a chì me o da[e]to logo de mantegnei questa citae in paxe e in tranquillo e così spero se farà de chì avanti. Aora che o vichario sufficiente me consegerò con ello, e se troverò modo o via sea per regule sea per le comession daete da li presesoi vostri, per le quae posa prosede cum justitia contra Nicheroso da Torrigia e che ve lo possa mandar a Zenoa a star a la staza a raxon, lo farò animozamenti. Persochè in veritate Dei e' cognoso ello esse perzenciosissimo homo in questa vostra magnifica citae, e Criste me profonde se lo digo per odio ni per mala voluntae, solamente lo digo per lo ben de la terra e de li popoli. Persochè ello no trova salvo rampengoli, e si se dixe che in questa caxon de lo episcopato et etiam in la caxon de lo matremonio de quella garsonna, de la quale vostre segnorie an scripto, ello a promession se oten soa intention averà de guagno sommi CCCC de Caffà sive ducati mille, e per questo trova quante cavilatioin ello po, digando aora [che] li legati no an bairia, aora dixe [che] le letere son false, aora dixe [che] è staeto faeto lo vesco per mangiaria de dinae, aora dixe [che] la sententia deta per lo vesco in la cosa de la garsonna è fasa, e tutte queste cose e cavilatioin fa per menâ la cosa in longo, fin che sea fora de officio. Persochè ge pa avei in man che como serò fora de officio ello debia otegni soa intention, e così sta la cosa in continuo motu.

A lo faeto de la sententia daeta per lo vesco in lo matrimonio de la garsonna no s'è ancora innovato altro, ni faeto la execution la quale a comiso le segnorie vostre, persochè son staeto in altri meriti chi tocavan piu a la terra comunamente per le cose da campagna e per la caristria la qua è regnata in questa terra, per la qua cosa me occupava piu in le predite cose cha in quella, considerando che quella se po sempre fâ e no pasa tempo. Aora che semo fora de tanto fastizo e travagio in lo qua semo staeti, como dirò qui de sota, me darò logo con monsignor e li compagni mei de adempir li comandamenti e le comessioin vostre, e per lo primo modo vostre segnorie seran avizae de tuto a compimento.

Aora notiffico a vostre segnorie, como per altre ve scrisi e an inteizo vostre segnorie, como in lo tempo de messer Joffredo, morto che fu Mamacho segnor di campagnia, lo imperao se trovà in Caffà, in lo [p. 201 modifica]qua logo con consegio de meser Joffrao meser Baptista e mi con monti altri citaein e borgeixi se elezè segnor de campagna Eminec, lo quale fo aproao per quello che devese dar piu paciffico a la campagna che nissun de li altri, tamen fo faeto asai contra vogia de lo imperao che dubiava semper che ello no ge fose reo e pessimo, e così è seguito, che da poi che fo feto segnor fin a la jornâ che ello e sta[e]to in segnoria, jamai no lasà de molestar lo imperao aora de una cosa aora de una altra, in forma che quaxi ne a frustao de ambassiarie per devei aconsâ le requeste che ello fava a la jornâ a lo imperao contra li pati e li zuramenti che elli aveivan inseme, e non contentandose ancora de quello che lo imperao ge fava, ello prevarichà uno fre de lo imperao a far corsia in lo regno de Polonia, e così fè grande corso che elli an conduto, segondo la relation de monti, piu de anime xv mila le quae an tenuto e tennen per ihavi e ihave, e monti e monte ne han venduo e parte rechatae, ma pochi quelli chi se son rechatae, ne an ancora in le main soe la piu parte.

Ancora non contentandose de le cose sopradite ello mise deveo in le vitouarie, e mise bando che no fose personna alcunna chi prezumise de conduere vitoarie in Caffà, e si fava stâ le soe guardie a li passi con ponsoin de ferro atastando in le carre de lo fen e de la pagia per intende se ge era sachi de vitoarie, e quelle chi se trovavan o pareize o secrete ello le facea prende e robava quelli che le conduxeivan, intanto che le vitoarie chi soleam varei asperi viiii in x montan a xiiii e a xv, e no se ne poivan trovâ per dinari. E per questo fo grande spavento a la terra nostra sorvegnando lo iverno, e dubiando de le cose turchesce stamo cum grande affano. Fo necessario con volontae de lo imperao, lo qua per servir de megio se invià a devei vegnî in Caffà per ronpî la opinion chi era che da noi a ello e in campagna fosemo in goerra, parse ben a quelli de la terra far vegnî lo imperao dentro da Caffà per ordenâ quid agendum, e così è seguito.

Vègne lo imperao in Caffà e lo dito Eminec con li altri segnori suoi e se ronpì la opinion chi era de goerra, possia ordonamo con lo imperao de modo tenendo, persochè noi eremo informati de certo che lo dito Eminec segnor de campagna aveiva mandao soi messi a lo Turcho in Constantinopoli e aveiva con ello intendimento. Sentiando noi la preparatione de l'armata grande stemo con grande affano, tamen tegneimo queste cose scelate a lo imperao per non demostrare [p. 202 modifica]che in noi fose dubio alcuno ma semper lo confortamo a deveire descasare lo dito segniore Eminec persuadandoge che ello no era segnor chi feise per lo suo imperio, e de questo remazemo d'acordio, e così è seguito che se susità Saitech figio de condan Mamacho olim segnor de campagna e s'è faeto vegnir verso le parte de l'altro Lordo verso la Tanna. È ve[g]nuto che ello è staeto in Caffà cum salvo conduto, abiamo adoperato con lo imperao ita et taliter che Eminec se n'è fugito de campagna, crediamo sia andaeto verso Zichia, o veramenti verso la Tana, in li quali lochi s'è miso insidie sufficiente a lui, persochè ello è con pochi homi, videlicet da xx in xxv. Credo che Deo permeterà [che] le cose capiteran bene.

Stagando la cosa in questo termen solicitamo che lo imperao vegnisse una altra vota in Caffà con li soi segnori, e così è seguito che ello è ve[g]nuto in questa terra e g'è sta[e]to jorni otto, in lo qua tempo noi con ello con volontae de li segnori soi s'è elletto novo segnor de campagna, lo quale è staeto Saitec figio de quonda Mamac. Tuta la terra se contenta de la ellection soa e così la piu parte de li segnori de campagna. Spero in Deo de chì avanti serà paciffico piu che no è restato fin a chì.

Notiffico ancora a le vostre segnorie como a la prima ve[g]nuta de lo imperao in Caffà, de comission e requesta soa e de Eminec fo preizo per li lor messi con lo braso nostro doi cavi de parti de li Sarra, chi son doi fradeli chi se iaman Mur e [...]. Li quae son cavi de Sarra inimixi de lo imperao, li amo mandae in Sodaia im lo castello de sancto Elia e lì li tegnimo con bonna guardia. Poscia è seguito che la ultima vota che è ve[g]nuto lo imperao in Caffà, no fiandose de uno so fradelo de etate de ani xviii in xx, avanti che ello se sea partio de le Charchere per vegnî in Caffà, ello a preizo lo dito so fradelo iamato Mulchamam e ello in personna propria lo a conduto a lo Sembalo, e lì è sta[e]to miso in castelo de ordine e comission nostra, onde ello sta ben guardato.

Tute queste cose sum faete per sostegnî e mantegnî lo imperao, lo qua e tanto ben dispozo inver de noi quanto mai se posa dî, e per questo asochè Caffà se mantegna in opinion che tuto so che volle Caffà se fa. Per questo s'è fa[e]to tute queste cose chi son de grandissima utilitae a questa terra. Se amo avuto fin a chì de li travagi e de le tribulatioim, spero che in lo avegnî mediante la divina gratia averemo conforto, abondantia e alegresa, persò che in campagna le vi[p. 203 modifica]toarie mostran bem e si s'è semenato asai, Deo ge mande bonna recoleta.

Sono sta[e]ti li grani in prexio de asperi xxv lo capiso, aora sono declinati ad asperi xviii e a xvi, perchè s'è da[e]to bona provexione maritima, non ostante che fosse de inverno n'è sta[e]to conduto tanto che a lo di de ancoi son declinati. Unde ve digo, spero che avanti che finisca questo meize mancheran de prexio qualche cosa, persò che se ne aspeta asai verso Chilo e Zagora e Mochastro. Ma persò che s'è faeto grandi partiti questo inverno a li merchanti, non credo pos(ci)a goeri mancare de prexio de xvi in xv asperi lo capisio, tamen a la recoleta de li novi spero tornerano a li asperi v in vi lo capisio a la usanza, e così vogia Deo.

Aora resta a dire, magnifici domini mei, che la comission vostra a noi da[e]ta circha la sententia daeta per lo episcopo de Ermini circha lo matrimonio de quella garsona maritata, la qualle è de etade annorum viiii in circha. Cometando le segnorie vostre a noi cum lo reverendo domino episcopo debiamo receivere testemoniansa da x in xii personne se la sententia è bona e justa o no, como piu largamenti se contene in le vostre, respondo a vostre magnificentie che fin a la jornâ de ancoi no s'è innovato niente in la dita caxon per esser monto occupati in le caxoin supradite, tamen aora per la parte prima chi pretende la dita garsonna eser soa, ne fo requesto per scriptura a mi consolo la debia fare consignare a ello. Per la quale cosa serà nessesario ve[g]nire ad executionem et observationem mandatorum et comissionum dominationum vestrarum, e de quello [che] seguirà serà certificato le segnorie vostre cum li processi sigillati juxta mandata vestra.

No prende admiratione le segnorie vostre se no scrivemo in comunitae meser Oberto e mi, persò che in queste cose pertinente a lo episcopato semo differenti de opinione, persò che ello voreiva avei compiaxuto a Chaihares e avei miso in sedia lo so vesco, e mi o preixo respetto ad aspeitar la reposta de le segnorie vostre. Ello s'è monto agrevato de mi, como credo ve debia scrive, tamen non obstante lo so agravamento no m'è parsuto ben fare altro fin che non abia reposta da le segnorie vostre. No so za intende che dano ni che interesse segoe a meser Oberto de cosa alcuna pertinente a lo episcopato, per la qualle ello abbia caxon de volei piu uno cha uno altro. Penso ben che a posta de meser Sisto Centurione e de Cepriano de Vivaldo, [p. 204 modifica]chi sono tanto congionti con lo dito Chaihares quanto piu se posa dire, ello vogiando compiaxerli fasa quello che ello fa. Le segnorie vostre a la fin intenderan tuto e judicheran chi averà avuto megior opinione, Deo sa che mi no ne pretendo salvo a fare honore a le segnorie vostre e in fare senza vergogna. La fin fa tutto.

Non vogio piu tediar le segnorie vostre che ge serea ancor da dir asai. Piâxeve mandar quarchi meistri de antelamo masachani, persò che monti borghe[i]xi edifficareveno caze se avesen boni meistri, la qual cossa sereiva magnifficentia, e gloria de questa vostra terra, la qualle Deo sarve e mantegna in seculla seculorum amen.

E. D. V.

devotus vester Antoniotus de Cabella
consul Caffe etc.

cum umilli recomendatione.