Documenti in vorgâ de l'Ofiççio de Sanzorzo e de so colonnie d'oriente/1104

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Documenti in vorgâ de l'Ofiççio de Sanzorzo e de so colonnie d'oriente
a cua de P. Amedeo Vigna
Doc. MCIV - 14 set. 1474 - Relaçion do conso de Cafà Antonioto de Cabella a-i Protetoî de san Zorzo.
Resta de Cafà n.121 (ed. into Codiçe Diplomatico de Colonnie Taoro-Ligure, Atti da Societæ Ligure de Stoia Pattria, VII-2, 1879)
in corscivo paole latin-e, toscan-e e grafemi latin-toscanizanti; tra parentexi quaddre e lettie da azonze, tra parentexi tonde quelle da esponze; azonto maiuscole e diacritichi (ë = æ).

Littere domini Antonioti de Cabella consulis Caphe sub die XIIII septembris de 1474. recepte XV aprilis de LXXV.

[p. 117 modifica](Extra) Magnificis et prestantissimis dominis protectoribus comperarum sancti Georgij. excelsi communis Janue. dominis meis colendissimis.

(Intus)
† Yhesus. in Christi nomine MCCCCLXXIIII die XIIII septembris in Caffa.

Magnifici et prestantissimi domini, domini colendissimi. Posia che feci la mia intrada in consolato la quale fo die dominica xxxi julij, quia sic processit de voluntate et ordini domini Baptiste Justiniani, non o scripto a vostre segnorie. Aora narrerò quello [che] occorre. [p. 118 modifica]Primum vostre segnorie inteizem quello [che] era staeto faeto in la elletione de lo episcopo de Ermeni, e per letere de le s. v. reprendessi meser Joffredo per essese impaihato de favorezar piu uno che uno altro, intervegne che a la resevuta de la letera vostra era stato in questa terra uno legato de lo patriarcha con bairia, como in soe letere se conten, lo quale post pauchos dies ab introitu spectabilis domini Baptiste Justiniani desmise quello vesco eleto in lo tempo de lo nobille meser Jofredo e mise in sedia quello altro electo in lo tempo de meser Filipo, e in questa ultima elletione fo contentione, como piu largamenti intenderan vostre segnorie a bocha de meser Baptesto partito de chì a li iiii de setenbre presente, lo qualle meser Baptesto visto la bairia de lo legato, etiam visto che la piu parte de li pape e de li populi voreivan questo chi è aora in sedia, lasià uzare a lo legato la bailia soa. Lo qualle legato post multos dies posuit dictum in episcopatum, et licet foseno da octo in dexe malcontenti, tamen post paucos dies lo legato e lo vesco overàn che li malcontenti pacificasem, e così fè che in la terra no se sentiva piu alcunna discordia e così ogni cosa era in quiete.

È intervegnuo che uno predicatore nominato Charabet amicho de lo vesco desmiso è andaeto a lo patriarcha e a trovao ello eser morto e poi eser staeto eletto uno novo patriarcha a lo qualle lo dito predicatore a dito como lo vesco de Caffà de Ermeni e staeto descasato e privato forsamenti de lo episcopato, e si a faeto che lo patriarcha a daeto fede a soe parole e a mandato doi legati, li qualli son chi da meixi doi incirca, con grande bairia a volei desmete questo vesco chi e in sedia e volege retornare quello altro desmiso l'ano pasato, e a questa cosa oponne la piu parte de li pape e de li populi li quali voren avanti questo chi è in sedia cha l'altro, licet che sea quello altro uno homo de grande reputatione e fama e nativo de Caffà, tamen la piu parte non lo voren, e per questo era in questa terra grande discordia fra questi Ermeni, perchè una parte voreiva che li legati uzazen soa bairia digando che poivan desmete lo vesco e mete l'altro, e che poivan interdî e serrar tute le jexie e scomunichare li inobedienti. La piu parte ge stavan in opoxito e favan tumulto o conspiratioin e remoi fra loro in le loro jexie e in la terra.

Mi visto così, considerae la letera de le segnorie vostre e visto la reprension faeta a lo nobille meser Jofredo no o vosuo caze in quello errore de impaiharme piu de uno cha de uno altro, mandai per li legati e per lo vesco nostro de Latini e per lo vesco de Ermeni chi [p. 119 modifica]è in sedia e per lo legato chi l'a miso in sedia, lo qualle è ancora in questa terra, e in consilio coram reverendo domino episcopo latinorum et spectabile domino Oberto ac etiam magnificis dominis antianis audivi ea omnia que partes dicere voluernnt, et eijs auditis no ne palse bene mete a posta alcuna cosa, digando mi che no voreiva innovar niente in questa caxon, et sic imposui utrique parti no fatian tumulti ni contentione soto penna de somi doa milia per utranque partem apricandorum massarie. Postea vero impoxi a li doi legati [che] no dovesen innovar cosa alcunna in questa caxon, cominandoli che se avesen altra intention che elli dovesen spaihar la terra, persochè no voreiva che metesen la terra in divixoin ni che se feise rumoi ni tumulto, e così restà la cosa.

Cotidie son molestato che lascie uzare la soa bailia a li legati, e mi intendo che fasando questo che la piu parte de li pape e de li populi Ermeni de li x li sette o li otto son marcontenti che se innove niente, e pertanto inteizo tuto o dispozo no lasciare innovar cosa alcunna, attento etiam quello [che] intenderan vostre segnorie chì de sota.

Unde e' o statuio in la mente e propoxito meo de no lassiâ innovar cosa alcunna fino a tanto che vostre segnorie me cometen altro, e si intendo che se ferà a questo modo, ogni anno averei tale contention in questa terra, persochè lo patriarcha ne prende beneficio grande e cotidie molesterà aora uno aora uno altro e sempre serà contention in la terra vostra, la qualle cosa dè eser aborrita da ogni personna chi vogie ben vive. E pertanto prego cum instantia quanto poso vostre segnorie provedan per tar modo che de chì avante sesen simille contentioin e datime a mi o a chi me susederà talle comission che sea ultimo remedio a talle cosa, si che in lo avegnî se mete perpetual silenzio in tale cose, le quale porreivan con lo tempo parturir de lo male asai.

Avizando vostre segnorie como Caihares figio di Cotulbei de Sunihi me a mandao in uno mandilo ducati cc auri in don, asochè lasie depone lo vesco chi è in sedia e mete l'altro chi è so stretissimo parente, li qualli no vosi aceptare e si ge li remandai a certo, e questo fei manifestare in consiglio in presentia de li nobilli meser Oberto e meser Francesco de Flisco alter provisorum ac etiam in presentia dominorum antianorum, in conspetto de li qualli vegne quello che mi aveiva portato li ducati e così dixe esser vero [che] me li aveiva portati in don per parte de lo dito Caihares. Si che pertanto vostre segnorie [p. 120 modifica]pon intende como lo dito Caihares vole raxon, e per esser molto richo e perchè presta speso dinari a molte persone de questa logia, ello è tanto superbo che con denari e con amicitia de personne a ello obligate ello volle le cose a so modo, e si è tanto presuntuoso che Deo vogia che con lo tempo ello no sea caxon de male asai. Se parese a vostre segnorie citarlo a Zenoa lo lauderia per ogni bon respetto, asochè li altri non prendesen tanta odàtia quanto se trova in ello. Le segnorie vostre poran avei information da quelli chi vennen aora a Zenoa e si intenderan lo vero, tamen non ne demandati a meser Guiraldo de Vivaldo, persochè ello è tropo so amicho, pur e' credo che alle segnorie vostre debia dir quello chi è, massime seando da la longa de ello.

Per li dubij chi se an de garbugio in campagna, me son ancora piu fondato a non lasciar innovare niente, parendome megio che sea piu tosto mal contento dexe o cento cha mille in doa millia.

Fo avizate vostre segnorie de la elettione fatta in Caffà de novo segnore in campagna, e de quello [che] occorse l'ano passato ne seran vostre segnorie primamenti informate da meser Baptesto Justiniano e da altri mercadanti venuti e chi vegniran a Zenoa, per che in quello no me estenderò altramente. Aora acade a dire quello [che] occorre e è occorso da piu di in sa. Questo segnor Eminec, segnor de campagna, fè large e grande promise avanti che ello fose segnore, prometando che ello sereiva bon figiolo de Caffà e che no se partireiva da la lor volontae e consegio, e che fareiva semper tute quelle cose chi fosen im piaxei de lo consolo e de li vegiardi de Caffà. Persochè ello aveiva asae stentato per lo mondo, aora voreiva stâ in reposo e ge bastava esser a caza soa e avei nome de segnor e de altro no se curava, che zurava e prometeiva de esser sempre obsequente e obediente a lo imperao e no contravenir mai a soi comandamenti. Poi che è staeto electo, asae tosto de lì a poco tempo a incomensato a far requesto a lo imperao aora de una cosa aora de una altra, che se po di cum veritate che mai no è staeto uno jorno sensa molestiar lo imperao chi ge dage a[n]coi questa cosa, deman quella altra, ita et taliter che quasi ne a frustao de ambasciae, persochè semper che amo inteizo qualche cosa da ello imperao semper se semo misi da mezo con ambasciarie a mezase e concordali inseme, e questo per bene e paciffico de la campagna, e mai fin a chì amo posuto far tanto che ello vogia stare ben in paxe.

Ultimamente ne a requesto che se adovremo chi lo imperao ge [p. 121 modifica]dage soa maere per mogiê, e de questa cosa alquanto se n'è tochao lo imperao quando è vegnuo in Caffà. Lo qual respose: "Avanti ge tagiereiva lo colo e perdereiva lo imperio che far tar cosa!", persochè no fo mai visto che dona mogier de imperao restando vidua se maritase in soi messi, como era questo. Si che visto la intention de lo imperao fo per noi faeto resposta a lo dito segnor per tale forma che ello inteize no poi otegnî soa vogia, e ne promise che no parlereiva piu de talle cosa, tamen como fo retornato de Caffà a caza soa asae tosto tornà a far talle requesta, digando che se lo consolo de Caffà e li vegiardi vorran, lo imperao farà tuto quello chi ge requireran, e si s'è miso in tanta fantaxia che ello scripse che se no famo che ello avese questa dona, ello intendeiva che li pati e sagramenti che amo insieme fosen roti e molte altre parole mâ dite per parte soa.

Noi semo semper andaeti a bonna via overando semper de farlo pacificare con lo imperao e con noi, fasando ogni studio nostro a tale effetto, tamen non amo ancora posuo far tanto che ello se vogia contentar. Intanto che ello s'è miso su la traversia e si ne a retegnuo le vitoarie, che de soa comission è staeto che nisun posa adur grani ni megij in Caffà, e in questa interdition ne a tegnuo e ten fin a la jornâ de ancoi. Per la qual cosa nè staeto necessario e forsa norezar e fare partito a molti mercanti e patroni de nave e navili chi vadan per grani in altre parte, zoè a Mocastro, unde n'è asai e de quello locho speremo averne a sufficientia, e così ancora per altri lochi.

Certo la terra nostra è restâ con poche vituaglie, perchè la piu parte de li borgeixi an vendute le loro provexoin a quelli de Trapezonda, persochè li acatavan a otto aspri lo capizo da li Tartari e poi li revendeivan a dexe o doze a li Trapezundeij, e per questa avaritia la terra e restâ molto vacua de vitualie che fin a le povere femene chi ne aveiva trei o quatro capisi li a vendui, con opinion chi a la recoleta de li novi se dovesen fornir a megior merchato. È intervegnuo che e staeto serrato la treta e a questo modo se semo trovati cum pochissime vituallie, tamen divina gratia permittente spero che tuto procederà in bene. Novamenti amo mandato Andria Fatinanti a lo segnore, perchè è so intimo amicho, e credemo che debia darne treta de grani e de megi. Ancora in le parte de lo Vosporo e in le parte de Zichia è debita soma de victualie, da questi lochi ne averemo bonna parte. De quello che seguirà seran vostre segnorie avizae primamenti per altre mee. [p. 122 modifica]Ancora sapien vostre segnorie como de lo meize de lugio lo imperao mise so frae Aidar a cavalo cum grande oste per far corsia, la quar cosa fè a induta e requesta de questo signor Eminec, lo qualle cotidie lo indueiva a questo, e fè tanto che uno altro frë de lo imperao, nominato Mulchania, se partì da lo imperao contra soa vogia con cavali ccxxx circa sussitao da lo segnor. Questa cosa monto me despiaxe e a tuti quelli de Caffà, e per questo mandamo nostri ambasciaoi a lo imperao e a lo segnor a oviâ che questo corso no se feise, tamen no ne poemo mai otegnî nente perchè lo segnor era de tuto in tuto disposo de far corsia, vegando lo imperao così consentî a la corsa, se partì e a faeto corso in le parte de Polonia e a faeto grande preda de bestiami e pezo, che an conduto da teste anime rosesche e de Polonia da xviii in xx milia segondo sona per la più parte, in lo qua numero è figioli picenini in grande soma, li tenne per ihavi.

Noi iterum mandamo nostri ambasciaoi a lo imperao e a lo segnor a requerî che voresen retegnî quelle teste in lô e no vendere a Turchi asò che no le feisen renegare, e megio era le tenise in lo paise asochè quelli a chi aspettan le poise recatâ, ne avemo asae bonna reposta, tamen credo pur che de elle ne abia venduo bonna parte, persochè de chì insì certi Turchi chi vendèn i soi peivi e merse a megior merchato che non era lo corso per meterse in denari e zen a far inhieta de queste teste, se le an acatae como credo, le an caregae e menae via per altri lochi che per Caffà, credo le abian caregate in le parte de la Calamita e de le Carcheniche a le sarinne, no amo poduto tanto aviar che elli an faeto a lor modo.

Noi ancora famo questo vorentera persochè apreso lo imperao era doi ambasaoi, uno de Mosco e l'altro de re de Polonia e de la Tiffania, se son trovae apè de lo imperao quando l'oste è retornao con la preda, e asochè intendesen noi esser marcontenti, subito mandamo nostri ambasiaoi a lo imperao como è dito de sopra, li quae aven parlamento cum li diti ambasciaoi asochè intendesen che nostra vogia e intention era che a elli non fose faeto dano, e che voreimo semper mantegnî lo amore e la bonna paxe che aveiva lo so re con noi e noi con ello, e di questo restàm tuti doi quelli ambasiaoi contenti de noi, se son partii e andaeti a caza soa secondo che sento.

Ancora averan inteizo vostre segnorie como lo figio de quondam Mamacho segnor de campagna era fugito e partito in oculto de lo imperao [p. 123 modifica]è andaeto in le parte de la Tanna a jongesi inseme con Janibec sortan, e così a faeto e con ello e con quelli de l'altro imperao de l'Ordo e così amo notitia per li nostri de la Tanna. In questi jorni semo avizae como elli vegnivan a molestiar lo imperao nostro, e de questo e staeto grande affano apreso lo imperao e lo segnor Eminec, ita et taliter che aora se meten a cavalo con so exercito, se dixe volen andare per contra soi inimixi, no se intende ancora ben lo proposito, me credo no se debian far niente, perchè pare pur che da lo imperao a lo segnor sea qualche cosa per respecto de la dona che o dito de sopra. Tamen aliquando mangian e beiven inseme como se in elli non fose niente. Mi son de opinion che no anderan in oste inseme, e se pur deveran cavarchâ, credo che lo imperao ge manderà soi fradelli. Mi e li nostri compagni massarij e officio de campagna con li vegiardi nostri no consegeremo mai a lo imperao chi vaga in questa cavarchâ per piu respetti e per so ben. De quello chi se farà in apreso per altre ve serà manifestao conpitamenti.

Poi la partita de meser Baptista Justiniano abiamo caregato in la nave de meser Lucho de Auria le copie de li libri de la massaria, soè de lxviiii. de lxx. de lxxi e lxxii. li quae sono arembati in una casia a meser Gregorio de Pinu cum ordine ve li debia consignare a le segnorie vostre, porreti ordinare de ave[i]rli.

Questi jorni che se lezeiva la sententia de li sindicamenti de lo spettabile meser Baptesto Justiniano predecessor meo, fo faeto grande strepito e rumore in logia. Fo inculpato conte de Flisco, contro de lo qualle s'è formato la inquesta conveniente, no è ancora conpito lo proceso, se farà raxon, e de questo non dubite le segnorie vostre che serà punito chi averà falito.

Non seserò a regordare a le segnorie vostre se adopren a mandare dexe o doze maistri masachani, persochè staran ben in questa terra. Certo monti borgeixi lascian de far belli edefitii per non esser maistri, questa cosa serà ornamento de la terra vestra e fama, per che prego vostre segnorie fatian ve[g]nire li diti maistri omnino.

Fo ancora avizate vostre segnorie como Baptesto de lo Foselo no pareiva idoneo a exercire lo consolato de la Tanna. Per la qualle cosa se g'è conceso se ello vole vende lo officio lo posa fare, vendandolo a persona idonea aprobata, como se conten in la regulla. Se le segnorie vostre volen disponne altramenti, cometteti quello [che] voren se fase.