Discorso in lengua zeneize doppo l'eleçion do Seeniscimo Duxe de Zena Antogno Çebà/Parte primma

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Discorso in lengua zeneize doppo l'eleçion
do Seeniscimo Duxe de Zena Antogno Çebà
de Bernabè Çigâ Cazê
Parte primma
[p. 5 modifica]
Discorso in lengua zeneize Cazê 1594 (page 5 crop).jpg
PRIMA PARTE.

Ra chiù luxente Gioia, e rà chiù finna
Ra chiù vaga, chiù bella, e chiù aprexà
C'haggie nòva gentì, ricca sposà
Signora, Principessa, o gran Reginna.

[p. 6 modifica]

Tutta de gusto, e de vaghezza pinna
De parei quant'a può bella, e atrezzà
In ra parte chiù vista, e chiù honorà
Lè si se mette quella gioia finna.

Così ra nostra Zena aora feto hà
Che pe ra chiù Escelente a s'ha pigiaò
ANTOGNO Serenissimo CEBA[']
E ro sò bello zuffo a se n'ha ornaò,
E misso una collanna d'oro a s'hà
De gran varsùa; de prexo inestimaò,
Bella in supremo graò,
E guarnya tutta de Gioielli fin
De Diamanti, de Perle, e de Rubin
Con un lavò Divin:
Questa collanna forman ri Segnoi
Illustrissimi doze Senatoi,
Ch'aora dirèmo noi,
Tutti doze secondo ra sò eitè
Quando in cerchio tra lò stan assetè:
Ro Segnò Luco Fornè
E ro primo, e bià Zena sarà
Fin che a rèzera lè si agiuterà;
Ra terza vota è zà
Ch'o l'ha havùo quest'offitio pe re moen

[p. 7 modifica]

E sempre s'è passaò de là da ben.
Per eitè poscia ven
Ro bon Segnò Cristoffa Centurion
Pin de conscientia, e de Religion,
E pe ra patria ancon
O spenderà ra vita, e ri sò ben,
Che a regula de staò cosi conven.
De manco eitè ghe ven
Appè ro Segnò Steva Lomelin
Sì come figio, poere d'Agostin,
Per merito, e destin
Stando in Granata fò mont'honoraò
Aora a ra patria sò l'è governaò,
Amaò, e respettaò.
L'atro è ro Segnò Giacomo Monegia,
Che a dine ben, mi dirò cosa vègia:
Ognun ch'in lè se spègia
Vè modestia, chianezza, e veritè,
E tutte re virtùe accumulè.
Chi può ra Realitè
Deschierà dro Segnò Vicenzo Rizzo
E quanto l'è d'honò sodo, e massizzo;
Per lè receive indrizzo
Chi vò giustitia, e tratta veritè

[p. 8 modifica]

E quant'o dixe lè, raxon voi fè,
Ch'un'instrumento sè.
Che ve pà dro Segnò Zane d'Odon
Che no ro movereiva ro Ponton
Un dio fò de raxon,
E dixe bravamente in Signoria
Chè l'Ingiustitia si se cazze via
Con breve dichiaria.
Che dirè dro Segnò Prospero Doria
De cronica dignissimo, e d'Historia,
Chi reputa per gloria
Ri sò propi negotij interlascià
Per poèi megio a ro publico zovà,
E a ognun ro mesmo pà?
E ro Segnò Giuròmo[sic] d'Axeraò
Chi sta rrente[sic] a ro Duxe in quarto graò
Per ordine assettaò.
No ve parello un fonte d'eloquentia
E ogni raxon ch'o dixe una sententia,
Tant'è ra sò sapientia?
Domine aperies labia mea
Se don dì dro Segnò Zane d'Invrea;
In lè fan Assemblea
Tutte quente re gratie, e re virtùe

[p. 9 modifica]

Ni una soretta ghe ne manca pùe
Cosa voreivo chiùe?
Ro Segnò Giustignan si ha proprio y ere,
L'autoritè, e grandezza de sò Poere:
L'è ben dre gioie rere,
Si chiù cha y atri o stà rente a ro cè
E però con raxon Segnò Michè,
Noi ro chiamemo lè.
Ro Segnò Carlo Spinnora è menò
D'eitè, e d'un dri cavi ell'è rettò:
In questo Senatò
Se son tutte re gratie congiurè
De stà conseigo, e no lasciàro moè.
L'atrò[sic] menò d'eitè
Se chiama ro Segnò Pero Durazzo
Rettò dro contra cavo a l'atro brazzo:
Mi larga fè ve fazzo
Che se ben l'è Durazzo o no ha durezza
Ma solo humanitè con gentilezza,
E si n'hò havuo carezza.
Questi son ri Segnoi, che dra Republica
Han ro governo in man per voxe publica
E come vò ra Rubrica,
Forman ra Serenissima collanna

[p. 10 modifica]

Chi se mette ogni dì dra settemanna
Zena de forma humanna,
E quando son inseme congreghè
Representan dro Staò ra Maiestè,
E si è raxon de crè,
Ch'in mediate ognun reste compreiso
Da ro Spirito Sento in lo desceiso
De verso ro Pareiso.
E però se despògian de passion,
E s'arman d'una bonna intention,
E fan y effetti ancon.
Cosi qualonque esce da lò Decreto
Uscì dè santo, giusto, puro, e schietto
Da l'intimo secreto.
Voreiva de y Escelsi Procuroei
Chi son l'atra meitè dri Governoei
Parlà com'è devei.
Ma a trattà de Segnoi tanto Illustrissimi
Per merito, e per sangue nobilissimi
Forsi parràn longhissimi
Questi versi, onde my per fàghe honò
A lògo, e tempo scriverò de lò.